jump to navigation

Nasce “Io Sono Saviano” sabato, 22 novembre, 2008

Posted by accettiamodidiventareblog in Legalità.
add a comment

Nelle ultime settimane un’onda inarrestabile e contagiosa ha fatto sì che nascesse sul web un movimento spontaneo sotto il nome di “Io Sono Saviano”.

Dalla necessità di dare un seguito alle manifestazioni di solidarietà nei confronti dello scrittore Roberto Saviano, che un pentito ha indicato come prossimo obiettivo dell’ala stragista dei Casalesi, capeggiata dal latitante Giuseppe Setola, nasce così il social network IoSonoSaviano.ning.com, creato con l’intento di riunire e coordinare chiunque volesse partecipare attivamente all’organizzazione di una manifestazione nazionale a sostegno di Roberto Saviano e contro tutte le mafie, che si terrà il prossimo 20 dicembre contemporaneamente a Roma, Napoli, Milano e Palermo.

L’organigramma della neonata piattaforma virtuale è composto da comitati regionali che si gestiscono autonomamente per quanto riguarda le attività che precederanno la manifestazione, coordinandosi poi in vista dell’evento nazionale. E’ importante sottolineare, però, che la manifestazione del 20 dicembre non è il punto di arrivo di un’esperienza comune nata in un caso particolare, ma rappresenta il primo passo di un movimento che ha lo scopo di tenere costantemente viva l’attenzione dell’opinione pubblica, per far sì che l’interesse mostrato in questa occasione non si esaurisca.

Attraverso azioni di sensibilizzazione, campagne informative, performance visive, cineforum e letture intendiamo continuare a monitorare il fenomeno mafioso al quale gli italiani rischiano pericolosamente di assuefarsi a causa di una mancanza di informazione dettagliata e veritiera.

I contatti per il coordinamento della Sicilia sono: Chiara Graziano (e-mail:chiaragraziano_1979@libero.it) e Fulvia Pirrone (e-mail:fukora@libero.it).

Le Orme a Palermo! venerdì, 14 novembre, 2008

Posted by accettiamodidiventareblog in Appuntamenti.
add a comment

Eh si, ragazzi, ancora non mi sembra vero!

Da fan delle Orme, non pensavo di poterli mai vedere dal vivo, visto che erano ormai diversi anni che non lanciavano un tour in giro per l’Italia.

Credevo che sarei stata costretta a farmi una trasferta per partecipare ad una delle loro occasionali apparizioni nel nord-Italia, per lo più a serate nelle feste di paese…

Ed invece ecco per Palermo i manifesti del loro tour! Fantastico!

Le Orme sono un gruppo progressive italiano, quel “rock-progressive” puro degli anni ’70 dal sound unico, dagli arrangiamenti mai banali e sempre superlativi e dalle atmosfere che ti fanno viaggiare con la musica.

Il gruppo si forma alla fine degli anni ’60, all’inizio la sua musica ha i toni del beat-psichedelico che già fanno presentire le grosse potenzialità di evoluzione che avrà la band di lì a pochi anni.

Ed infatti, a partire dal ’71 e per tutto un decennio, si impongono nel panorama della musica italiana portando alla ribalta nel nostro paese il rock-progressive, insieme a gruppi come la PFM, il Banco del Mutuo Soccorso, gli Area e tanti altri.

Tra gli album di spicco come non ricordare “Contrappunti”, “Smogmagica”, “Verità nascoste”, “Storia o leggenda” e l’incredibile “Felona e Sorona”.

Le Orme saranno in concerto a Palermo giovedi 27 novembre al teatro Metropolitan.

I biglietti (posto unico, costo € 20,00) si possono acquistare presso:

Teatro Metropolitan, in viale Strasburgo 358 (telefono 091.6887513);

Box Office, in via Lo Jacono 53 (telefono 091.6260177);

Diskery, in via Aquileia (telefono 091.205808);

Master Dischi, in via XX Settembre 38 (telefono 091 323151);

Medilisa, in via Principe di Palagonia 16/c (telefono 091.6812756);

Tata Blue, in piazza Mondello 1 (telefono 091 454121).

V2-Day: referendum a rischio martedì, 11 novembre, 2008

Posted by accettiamodidiventareblog in News.
add a comment

La Corte di Cassazione ha imposto uno stop al referendum sull’editoria promosso da Beppe Grillo. I giudici della Suprema Corte ritengono che siano insufficienti le firme raccolte durante i V-day organizzati da Grillo.

In particolare, i giudici dell’Ufficio centrale della Cassazione per i referendum, dopo aver esaminato tutte le firme raccolte anche in relazione ad ogni quesito tra quelli proposti, hanno giudicato formalmente non corrette le procedure seguite per la raccolta di diverse centinaia di migliaia di firme. Di conseguenza nessuno dei tre quesiti referendari proposti avrebbe raggiunto le 500mila firme necessarie.
Problemi di natura formale, sui quali lo stesso Grillo potrà “dire la sua” in occasione dell’udienza che la Cassazione ha convocato per il 25 novembre prossimo. La convocazione è stata disposta dal presidente della Commissione per il referendum, il magistrato Corrado Carnevale.

Utilizzando il diritto di replica previsto in questi casi per i promotori dei referendum, Beppe Grillo potrà contestare le conclusioni alle quali è giunta la Cassazione e tentare di “salvare” almeno uno dei referendum.
Le tre consultazioni popolari proposte dal comico genovese riguardano l’abolizione dell’Ordine dei giornalisti, l’abolizione dei finanziamenti pubblici all’editoria e l’abrogazione della legge Gasparri sulle frequenze tv.

(Cit. da www.iltempo.ilsole24ore.com)

Assegnato il fatidico 90° seggio all’ARS lunedì, 3 novembre, 2008

Posted by accettiamodidiventareblog in Politica.
add a comment

Vi ricordate del seggio lasciato vacante dalla signora Finocchiaro dopo aver perso alle scorse elezioni regionali? Beh, in questi giorni è stata finalmente assegnata quella novantesima poltrona rimasta vuota fino ad ora: a chi? A Rita Borsellino? A Sonia Alfano? No, a Bernardo Mattarella del PD.

Controversi appaiono i contorni della vicenda. Secondo legge regionale, infatti, il seggio sarebbe dovuto andare automaticamente a Sonia Alfano, in quanto candidata alla presidenza che ha ottenuto il maggior numero di voti dopo Lombardo e la Finocchiaro e alla luce della rinuncia della stessa Finocchiaro a guidare l’opposizione all’Assemblea Regionale (a cui ricordiamo la signora Anna preferì la poltrona al Senato).

Ma la suddetta legge è stata “raggirata” facendo prima insediare Anna Finocchiaro e poi provvedendo a comunicare ufficiali dimissioni!

A reclamare quel seggio si è fatta successivamente avanti Rita Borsellino, commentando dal sito www.unaltrastoria.org (dove è stata anche avviata una petizione) che “tanti siciliani, già nelle elezioni per la Presidenza della Regione del 2006 e, ancora, in occasione delle più recenti elezioni del 2008, hanno manifestato uno straordinario consenso nei suoi confronti”.

Secca la replica di Sonia Alfano a riguardo: “Si chiede ai deputati dell’ARS di assegnare il seggio lasciato vacante da Anna Finocchiaro a Rita Borsellino sulla base di motivazioni che nulla hanno a che fare con il diritto. Chiedere di assegnare il seggio a Rita Borsellino, che non è, come prescrive tassativamente la legge per l’assegnazione di quel seggio, un “candidato presidente”, significa chiedere di concedere una deroga al principio di legalità che dovrebbe ispirare l’azione di tutti”.

La battaglia è comunque destinata a proseguire tramite ricorsi al TAR.

Per maggiori approfondimenti, potete leggere i seguenti articoli:

da http://www.altratrapani.it “Il PD tradisce Borsellino”

da http://www.soniaalfano.it “A breve ricorso al TAR contro l’annunciato “scippo” del mio seggio”