jump to navigation

Elii: no all’Ambrogino martedì, 2 dicembre, 2008

Posted by accettiamodidiventareblog in News.
trackback

Gli Elio e le Storie Tese (da me amatissimi!) quest’anno sono stati insigniti dell’Ambrogino d’Oro, il prestigioso riconoscimento assegnato dal Comune di Milano. La cerimonia di premiazione si svolge come da tradizione il 7 dicembre, giorno della festa del patrono di Milano, Sant.Ambrogio appunto.

Ma gli Elii non ritireranno l’attestato di Benemerenza conferitogli. Il motivo è presto detto: il simpatico complessino contesta, infatti, la vergognosa mancata assegnazione ad Enzo Biagi e il rifiuto da parte del Comune di riconoscere la cittadinanza onoraria a Roberto Saviano.

Per la cronaca, lo scorso anno la candidatura di Enzo Biagi non era stata accettata per ragioni procedurali – sarebbe stata presentata troppo tardi – e la Moratti aveva lanciato un appello per assegnare l’illustre riconoscimento al giornalista, mentre quest’anno si parla di lunghe liti in sede di commissione, dopo le quali i rappresentanti dei partiti dell’opposizione hanno abbandonato la seduta per protesta contro la maggioranza che non voleva approvare l’assegnazione della medaglia a Biagi.

Elio e le Storie Tese hanno scritto una lettera al Comune di Milano, in cui si legge: “Abbiamo ricevuto il vostro invito alla cerimonia per la consegna dell’attestato di Benemerenza civica in data 7 dicembre 2008. Desideriamo in primo luogo ringraziare chi ha proposto il nostro nome. Vi comunichiamo altresì che non intendiamo accettare la Benemerenza, poichè siamo in disaccordo con la vostra decisione di non assegnare l’Ambrogino d’Oro a Enzo Biagi e la cittadinanza onoraria a Roberto Saviano, come riportato dai principali organi di stampa. Come abbiamo fatto in questi vent’anni, continueremo a rappresentare al meglio Milano, la città in cui siamo nati, viviamo e lavoriamo; che amiamo profondamente e che, proprio per questo, vorremmo vedere meglio trattata e rappresentata dalla sua amministrazione comunale“.

Finora dure critiche sono arrivate dalla Lega, che accusa il gruppo di essersi “prestato ai giochi della politica e delle contrapposizioni tra destra e sinistra”.

Ma l’azione dei mitici Elii non può stupire assolutamente i loro fan, me in testa. E’ nota, infatti, la sensibilità della band verso i temi più scottanti dell’attualità e le tematiche di pubblico interesse, sì affrontate con lo stile che li contraddistingue, ma proprio per questo a volte particolarmente pungenti (basta ascoltare, per citarne una, la recente “Parco Sempione”).

Ed ancora una volta hanno fatto centro.

Annunci

Commenti»

No comments yet — be the first.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: